Home Cronaca Evaso dal carcere di Lodi, si costituisce due giorni dopo

Evaso dal carcere di Lodi, si costituisce due giorni dopo

Aveva scavalcato il muro di cinta del carcere di Lodi durante l’ora d’aria, riuscendo a evadere sabato scorso dalla struttura. Si è costituito ieri pomeriggio il 22enne marocchino Mohamed El Madoui, arrestato per spaccio di stupefacenti e che da qualche ora è di nuovo nelle mura del carcere.

A ricostruire quanto accaduto, denunciando la situazione delle strutture carcerarie nel nostro Paese, era stato il segretario generale del sindacato Sappe in una nota. “Un’evasione annunciata – dice – frutto della superficialità con cui sono state trattate e gestite le molte denunce fatte dal Sappe sulle condizioni di sicurezza dell’istituto di pena, che ha portato la sicurezza al di sotto dei livelli minimi, sottoponendo la polizia penitenziaria a rischi e disagi continui. Se avessero ascoltato le denunce, probabilmente tutti gli eventi critici denunciati e questa stessa evasione non sarebbe avvenuta. La sicurezza interna delle carceri è stata annientata da provvedimenti scellerati come la vigilanza dinamica e il regime aperto, dall’aver tolto le sentinelle della Polizia Penitenziaria di sorveglianza dalle mura di cinta delle carceri, dalla mancanza di personale: servono almeno 8.000 nuovi agenti rispetto al previsto e sono state autorizzate solamente 305 nuove assunzioni”.