Home Milano Zona 3 Inaugurata al Politecnico di Milano la biblioteca storica

Inaugurata al Politecnico di Milano la biblioteca storica

Al Politecnico di Milano è stata Inaugurata la biblioteca storica, costituita dalla valorizzazione del patrimonio librario più antico e prezioso dell’ateneo, con la presenza di circa 20.000 volumi pubblicati dal XVI al XIX secolo.

L’obiettivo è quello di rafforzare l’identità e l’immagine della sede storica del Politecnico di Milano, fornendo un nuovo servizio di interesse per gli studiosi interni ed esterni all’ateneo. Le raccolte storiche sono consultabili in uno spazio dedicato, accogliente e luminoso, con alte scaffalature in legno che ne rivestono le pareti per evocare l’atmosfera di un’antica biblioteca. Circa 6.000 volumi delle collezioni storiche di Architettura e Ingegneria sono conservati sugli scaffali di questa sala, divisi per settori disciplinari. Altri,  circa 14.000 volumi,  si trovano in un deposito all’interno del Campus: sono le raccolte dei Fondi Storici dell’Ateneo (Fondo Brioschi, Fondo Masotti, Ranza, Piola e Frisi), le opere in grande formato (dette “atlanti”), altre raccolte documentarie divise per settori disciplinari.

Un vero e proprio patrimonio culturale racchiuso all’interno del Politecnico dove è possibile anche consultare i primi volumi acquisiti dal Regio Istituto Tecnico Superiore nel 1863, anno della sua fondazione, così come i libri firmati dai docenti (da Francesco Brioschi, primo Rettore, all’architetto Luca Beltrami) e le numerose donazioni pervenute dalla comunità scientifica internazionale (come l’atlante, in copie numerate, dedicato alla costruzione della Tour Eiffel). Non mancano, inoltre le rarità, come l’edizione del 1521 del “De Architectura” di Vitruvio, una copia dei “Discorsi e dimostrazioni matematiche” di Galileo Galilei, del 1638, il “De gravitate universali corporum” di Paolo Frisi, del 1768, o l’edizione originale dello studio di Fernand de Dartein su “l’architecture lombarde et sur les origines de l’architecture romano-byzantine”.

L’accesso alla biblioteca storica è libero e gratuito e tutti possono usufruirne.