Home Sport Milano Dal dominio alla sofferenza, è sempre l’inter ed è prima

Dal dominio alla sofferenza, è sempre l’inter ed è prima

Skriniar rinunica all'esultanza contro la sua ex squadra dopo il gol dell'1 a 0.

Pronti, via e la Sampdoria va all’assalto dell’Inter e la mette in difficoltà per i primi dieci minuti, attaccandola e cercando la rete. Poi la squadra di Spalletti prende in mano la partita e stritola i blucerchiati con 3 gol e 3 pali. Nel finale gli uomini di Gianpaolo segnano due reti e l’Inter va in tilt, sbagliando molto e perdendo la concentrazione e la cattiveria che in questo campionato l’hanno fin qui contraddistinta. Ma alla fine porta  a casa i tre punti e il primato solitario almeno per una una notte.
Al 18′ la mette in rete Skriniar sugli sviluppi di un calcio d’angolo, è l’1 a 0. Al 29′ Puggioni sbaglia il rinvio e la mette tra i piedi di Perisic che da quaranta metri ci prova subiro colpendo il palo. Tre minuti più tardi da un cross di Vecino la palla si impenna e Icardi al volo da posizione angolata segna un gran gol per il 2 a 0. Al 40′ lo stesso Icardi mette sul palo un corner sul quale anticipa tutti.
Nella ripresa l’inter continua a controllare la partita e a rendersi pericolosa e al 54′ su una ripartenza dell’Inter Perisic la mette precisa per Icardi che spinge in rete il 3 a 0. Sembra ormai una passeggiata, ancora Perisic prende in pieno la traversa dopo una buona triangolazione. Ma un minuto dopo la Sampdoria accorcia con Kownacki servito nell’area piccola da Quagliarella. L’Inter si spaventa, comincia a sbagliare e i blucerchiati insistono. All’85’ Quagliarella segna di testa e in molti a San Siro rivedono i fantasmi del passato. Ma questa volta i nerazzurri resistono e portano a casa una vittoria comunque meritata, sorpassano il Napoli in vetta in attesa delle altre partite di domani della decima giornata.
Prossimo impegno in trasferta contro il Verona nel posticipo serale di lunedì 30 ottobre.