Home Sport Milano Per il Milan è crisi profonda

Per il Milan è crisi profonda

Come ha dichiarato al termine della partita Ivan Juric, allenatore del Genoa, “al Milan gira tutto storto”. Sicuramente la fortuna non si sta occupando dei rossoneri in questo momento, eppure non dipende solo dalla sua assenza l’attuale situazione. Tre sconfitte e due pareggi nelle ultime cinque partite, con solo 2 gol segnati, entrambi nel derby perso. La sontuosa campagna acquisti estiva che presenta ora giocatori con più problemi che certezze: su tutti Bonucci, che da uno dei migliori difensori del mondo è passato ad essere un problema per l’area rossonera, con conseguente nervosismo deleterio, vedi espulsione contro il Genoa. Tutti elementi che richiedono una immediata inversione di tendenza. Infatti la testa della classifica è già lontana 12 punti e nell’Europa League, dopo un girone che è probabilmente il più facile di tutta la competizione, ci saranno squadre di livello, comprese le rientranti terze dai gironi di Champions.
Il Milan ha saputo in avvio di stagione mostra un ottimo gioco, fantasioso e spumeggiante. Ora appare soprattutto una squadra fragile, che accusa troppo i colpi degli avversari e che troppo facilmente si demoralizza per ciò che non va, incapace di soffrire, se la sofferenza non porta subito risultati. E invece non c’è altra strada, stare lì partita dopo partita a giocarsela e a lottare. I campioni, il denaro e il blasone ci sono, manca l’umiltà imprescindibile sul campo. E’ bene che il Milan nel turno infrasettimanale di mercoledì, a Verona contro il Chievo sempre pericoloso, se lo ricordi per evitare di peggiorare la situazione. Anche perché Verona, i milanisti lo sanno, è uno dei campi meno felici per loro.