Apertura Navigli: ricevuti e pubblicati 41 quaderni degli attori

Bertolino, Cornacchione ed Aldo Giovanni e Giacomo tra i favorevoli all'opera

Sono quarantuno quaderni inviati al sito del Comune di Milano per suggerimenti, argomentazioni e suggestioni sulla riapertura dei navigli.

Questi vanno ad aggiungersi alle tante proposte emerse durante i cinque incontri pubblici promossi dal Comune di Milano per sottoporre all’attenzione dei cittadini il progetto di fattibilità tecnico-economica dell’opera.

Sul sito sono disponibili tutti i quaderni degli attori: tra questi, la relazione di Alessandro Balducci, assessore all’Urbanistica nel 2015-2016 e professore ordinario di Pianificazione e Politiche Urbane presso il Politecnico di Milano, le osservazioni di Assolombarda e del Touring club italiano, le considerazioni di WWF Italia e alcune riflessioni a firma Associazione Casa della agricoltura di Milano e comitato Genitori antismog.

Tutti i documenti, ora, saranno raccolti ed elaborati dal coordinatore del dibattito pubblico, Andrea Pillon, e presentati per la restituzione ai cittadini nel mese di settembre.

Il progetto di riapertura dei navigli ha raccolto anche il favore di cento guide turistiche autorizzate della Città metropolitana di Milano, che hanno scritto al Sindaco Giuseppe Sala e all’assessore Lorenzo Lipparini per manifestare il loro sostegno all’opera.

Ai 41 quaderni si aggiunge anche un documento che riassume tutte le 219 osservazioni ricevute via mail, tra cui quelle di alcuni personaggi noti che con Milano hanno un legame speciale e che hanno dichiarato il loro Sì al progetto: Enrico Bertolino, Antonio Cornacchione e  Giovanni Storti del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, che ha motivato così la sua posizione favorevole: “Perché mio papà si buttava nel naviglio dai ponti/Per attraversare Milano in canoa/Perché l’acqua fa scorrere i cattivi pensieri/Perché dall’alto il naviglio assomiglierà al nostro biscione”.