Il boss Papalia andrà in una casa lavoro

Lo ha deciso il Tribunale di Sorveglianza di Milano

Rocco Papalia, boss della ‘Ndrangheta di Buccinasco, dovrà tornare in una casa lavoro interna a un carcere. La decisione è stata presa questa mattina dal Tribunale di Sorveglianza di Milano, al quale si è rivolta la Procura di Milano tramite il pubblico ministero Adriana Blasco, chiedendo una misura più restrittiva rispetto alla libertà vigilata a cui il boss è costretto da precedente sentenza.

Questo in relazione a diverse violazioni riscontrate nei mesi scorsi, quando il boss (scarcerato a luglio dello scorso anno) era stato sorpreso alla guida di un’auto pur sprovvisto di patente e con il divieto di poterla condurre. Successivamente era stato protagonista di un episodio in ci aveva insultato alcuni giornalisti al di fuori della sua abitazione. La famiglia Papalia ha annunciato immediato ricorso tramite i propri legali.