Il pm: “Bettarini aggredito perché riconosciuto”

Gli aggressori gli avrebbero gridato di volerlo uccidere perché figlio del calciatore

“Sei il figlio di Bettarini, ti ammazziamo”. Secondo il pm Elio Ramondini, che sta seguendo la vicenda riguardante Niccolò Bettarini, figlio dell’ex calciatore Stefano e della showgirl Simona Ventura, il ragazzo sarebbe stato aggredito nella notte tra sabato e domenica al di fuori della discoteca Old Fashion perché riconosciuto da chi gli ha poi inferto nove coltellate in vari punti del corpo. Il giovane figlio della celebre coppia sarebbe stato poi portato e ricoverato a Niguarda, ieri sono state arrestate quattro persone accusate di tentato omicidio.

Nell’aggressione sarebbe stata ferita anche la fidanzata di Bettarini Junior, Zoe Esposito, colpita con calci e pugni prima che gli aggressori si lanciassero coltelli in mano sul ragazzo. Il locale al di fuori del quale è avvenuta l’aggressione, l’Old Fashion, rimarrà chiuso per un mese per volontà dell’autorità giudiziaria, anche se il gestore ha protestato contro il provvedimento, sottolineando di aver installato telecamere e metal detector nel locale proprio per contrastare fatti di questo genere. L’aggressione a Bettarini sarebbe avvenuta a diversi metri di distanza dal locale.