Gambizzato ragazzo di 29 anni. Fermato l’aggressore.

Quattro colpi inferti per debiti di droga

Davide Cannone, un uomo di 40 anni, è stato fermato dalla polizia con l’accusa di aver gambizzato un ragazzo di 29 anni in via Lucca a Milano.

Il fatto era avvenuto nell’androne di un palazzo, lo scorso 29 novembre. Il ragazzo ferito era stato colpito da due dei quattro colpi di pistola sparati. Lo scopo era “punire” la vittima che aveva con l’aggressore un debito di cocaina di decine di migliaia di euro.

Cannone ,che ha precedenti per reati contro il patrimonio, resistenza e spaccio, è stato bloccato dagli uomini della Squadra Mobile e accusato di tentato omicidio. Subito dopo i colpi sparati al ventinovenne è scappato in Puglia, in provincia di Barletta-Andria-Trani, a casa di alcuni familiari.

Gli investigatori lo hanno fermato mercoledì scorso appena tornato a Milano in seguito ad un’intercettazione. L’aggressore possedeva un quaderno della contabilità della droga con su scritto il nome del debitore ferito e di altri debitori.

Il libretto è stato scoperto durante la perquisizione a casa di un altro pregiudicato, a lui legato, che custodiva anche l’arma con cui è stato ferito il ragazzo. L’arma risulta rubata e per questo anche il complice è stato denunciato.

Il ragazzo ha già subito due operazioni chirurgiche e per ora la prognosi è di 60 giorni.